Prendere troppo solo per le donne in post-menopausa potrebbe rivelarsi dannoso secondo uno studio realizzato da Kai Triebner dell’Università di Bergen, un ricercatore che da diversi anni sta studiando gli equilibri ormonali delle donne in relazione alla fase della menopausa. Il ricercatore ha scoperto che i raggi ultravioletti possono influenzare in maniera negativa i livelli degli ormoni delle donne in post-menopausa.

Analizzando gli effetti della luce del sole su 580 donne in post-menopausa provenienti dall’Europa occidentale, quantificando anche la quantità di radiazioni ultraviolette a cui le donne erano state esposte e tenendo di conto dell’utilizzo di possibili protezioni come l’utilizzo di creme, il ricercatore ha fatto dei confronti tra le concentrazioni ormonali dei soggetti e l’esposizione raggi ultravioletti durante il mese precedente.
Alla fine il ricercatore scopriva che più i soggetti si erano esposti alla luce del sole, più erano caratterizzati da livelli minori di estrogeni e da livelli maggiori di gonadotropine.

Secondo il ricercatore si tratta di una cosa negativa in quanto livelli più bassi di estrogeni e livelli più alti di altri ormoni come le gonadotropine possono portare a problemi di salute, in particolare ad un rischio maggiore di osteoporosi, di malattie cardiache e di malattie neurodegenerative tra cui l’Alzheimer.
Proprio per questo, secondo il ricercatore, è molto importante usare la protezione solare. Il ricercatore specifica anche che non si deve fare a meno del tutto della luce solare in quanto quest’ultima è necessaria per un buon livello di vitamina D.

Quindi bisogna trovare un equilibrio con al massimo 10-15 minuti al giorno di esposizione superati i quali bisogna cominciare ad usare la protezione solare indipendentemente dalla temperatura o dalla sensazione di calore sul corpo proveniente dalla luce stessa del Sole.
“Quando si ottiene una scottatura solare, si è già molto al di sopra del livello raccomandato di radiazioni UV e si corre un rischio maggiore di sviluppare melanoma”, riferisce Triebner nel comunicato stampa.

Approfondimenti

Articoli correlati

notiziescientifiche.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.